Prenota ora con Vantaggi Esclusivi!

PRENOTA ORA

Data:
Notti:
Camere:
Persone:
Promo Code:

Una gita alle meravigliose delle Isole Pontine!

Le Isole Pontine sono una delle perle più famose del Mediterraneo. Con l'arrivo della primavera e ancora di più con l'inizio dei primi caldi stagionali, una gita alle Isole Pontine è una bellissima idea per scoprire degli angoli nascosti che possono riservare molte sorprese. Scopriamo allora insieme cosa assolutamente non perdersi.

PONZA E VENTOTENE, LE PIÙ NOTE
Le Isole Pontine sono un arcipelago che comprende più isole ma sicuramente le più famose sono Ponza e Ventotene. Ponza è la maggiore per superficie ed ha un territorio prevalentemente collinare, il che rende il paesaggio caratteristico. L'isola è diventata a partire dagli anni Sessanta in poi meta di un turismo di elite che raccoglie il pubblico più facoltoso di Roma e della sua provincia. L'isola comprende un centro storico che si trova subito a ridosso del porto ed è ricco di ristoranti, locali e piccoli negozi di artigianato.
Sicuramente, però, l'isola è conosciuta soprattutto per la bellezza del suo mare e delle sue spiagge. Fra le spiagge più note dell'isola ci sono la Spiaggia delle Formiche, uno scoglione roccioso circondato da acque cristalline, e la spiaggia del Frontone, meta dei giovani i quali dopo il tramonto trasformano la zona in un'immensa discoteca all'aperto. Ponza è la meta preferita anche di quanti si dedicano allo snorkeling, soprattutto a Punta della Guardia, una delle zone più belle e ricche di flora e fauna marina.

Anche l'Isola di Ventotene è meta ogni anno di tantissimi turisti, che la preferiscono a Ponza per la sua tranquillità. Dal punto di vista storico, Ventotene per la sua particolare conformazione fu scelta nel corso dei secoli per esiliare personalità di spicco di vario genere. Qui trovò rifugio Giulia, la figlia dell'imperatore romano Augusto. Ventotene è meta ogni anno di quanti amano fare immersioni. Fra i luoghi di immersione più belli ci sono Punta dell'Arco con due bellissime grotte, la Secca dell'Archetto che è l'immersione più impegnativa in quanto raggiunge i 50 metri circa di profondità, Punta Pascone con il fondo nero di sabbia lavica. Nel fondale antistante l'isola c'è anche il Relitto della Santa Lucia, una nave affondata nel 1943 e attualmente meta di immersioni a circa 40 metri di profondità.

L'ISOLA DI SANTO STEFANO E LA SUA STORIA
L'Isola di Santo Stefano ha origini vulcaniche e questo influenza molto l'aspetto stesso del territorio. Si tratta di un'isola molto piccola, che presenta coste frastagliate e rocciose che da sempre hanno reso difficile l'approdo su quasi tutti i lati di Santo Stefano. Sono solo quattro, infatti, gli accessi attraccabili all'isola e le imbarcazioni che traghettano i turisti sull'isola scelgono di volta in volta in base al vento quale porto utilizzare. L'Isola di Santo Stefano è attualmente disabitata e l'unico edificio esistente sul suo territorio è quello del carcere, una struttura di epoca borbonica risalente al 1794 e voluta da Ferdinando IV, che ha forma circolare e presenta 99 celle. Il carcere rimase attivo fino al 1965 ed ebbe una storia piuttosto travagliata.

Nel 1860 ci fu una violenta rivolta dei carcerati che si autoproclamarono Repubblica di Santo Stefano. L'esperienza di questa comunità finì, però, nel 1861 a seguito dell'invasione della Marina Regia. Durante il periodo del fascismo il carcere di Santo Stefano divenne il luogo di confino per i dissidenti politici. Fra gli "ospiti" del carcere anche Sandro Pertini, Altieri Spinelli e Giuseppe Romita. Proprio a loro si deve il Manifesto di Ventotene, un documento del 1941 con il quale si chiedeva l'unità d'Europa e una politica estera comune per mettere fine ai conflitti. Oggi l'isola e il carcere sono visitabili ma non è possibile soggiornare sul suo territorio. Santo Stefano è completamente disabitata ad eccezione del custode del carcere che si occupa anche della sua manutenzione ordinaria.

LE ALTRE ISOLE PONTINE
Quando si parla di altre Isole Pontine si fa riferimento a Palmarola, Zannone e Gavi. Sono tutte isolette che fanno parte del comune di Ponza in quanto si trovano proprio vicinissime all'isola più famosa. Palmarola deve il suo nome ad un particolare tipo di palma nana che si trova solo su quest'isola. E' la terza isola per estensione e oggi è diventata riserva naturale per la qualità della fauna e della flora locali. Durante la stagione invernale, l'isola è disabitata ma d'estate viene eletta a rifugio preferito dei ponzesi che fuggono alla folla della propria isola e popolano le tipiche case-grotta che caratterizzano quest'isola. Palmarola è famosa anche per essere stata il luogo di esilio di Papa Silverio, che qui morì nel 537. Zannone fa anch'essa parte del Parco Nazionale del Cilento. Anticamente fu sede di un antico monastero cistercense del quale, però, oggi restano solo alcuni ruderi.

Oggi in quanto zona protetta può essere visitabile, ma non è concesso il permesso di dormire sull'isola. I visitatori, però, durante il giorno potranno fare bird watching e scovare i bellissimi e rarissimi esemplari di falco pellegrino e di falco di palude. L'ultima isola dell'arcipelago pontino è quella di Gavi. L'isola è molto vicina a Ponza ma è totalmente priva di spiagge, in quanto le sue coste sono rocciose e frastagliate. Si tratta di un'isola disabitata di proprietà privata ma ogni anno qui vengono a nidificare sia il falco pellegrino che il gabbiano reale. Il punto di interesse maggiore dell'isola è la Grotta di Gavi, anche conosciuta come il Grottone, dove è possibile fare delle bellissime immersioni.

DOVE SOGGIORNARE PER VISITARE LE ISOLE PONTINE
Se siete alla ricerca di un posto dove soggiornare per partire alla scoperta delle Isole Pontine un luogo privilegiato è sicuramente il Parco della Gallinara Camping Village. La struttura si trova ad Anzio, è immersa nella bellissima pineta e si trova in una posizione privilegiata per raggiungere con il traghetto le Isole di Ventotene, Ponza e tutte le altre. Presso il Parco della Gallinara Camping Village è possibile scegliere la formula più idonea alle proprie esigenze grazie alla doppia possibilità di usufruire del camping o del villaggio turistico con bungalow e camere. La struttura è dotata di ogni tipo di servizio utile per trascorrere una vacanza indimenticabile, anche grazie alla bellissima spiaggia attrezzata. Da Anzio le Isole Pontine sono facilmente raggiungibili con traghetto in qualsiasi periodo dell'anno.

14/05/2018
Isola di Santo StefanoParco della GallinaraArcipelago delle isole PontineSpiaggia delle FormichePalmarola Ponza

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni. ok