Prenota ora con Vantaggi Esclusivi!

PRENOTA ORA

Data:
Notti:
Camere:
Persone:
Promo Code:

Le località di Anzio, Nettuno e Lavinio: una vacanza tra natura e mare a pochi passi da Roma

Roma, Tivoli, il Lago di Bracciano sono solo alcuni dei luoghi gioiello da visitare nel Lazio. Tra questi c'è anche la costa a sud della città eterna, dove avrete la possibilità di sostare lontano dal caos della metropoli, immersi nella natura.

Alla scoperta di Anzio
Nel cuore nella zona rurale dell'Agro Pontino, a due passi dal fiume Astura, sorge quella che in passato era Antium, antica capitale dei Volsci che poi fu annessa all'Impero Romano nel 338 a.C.: divenne in tale periodo un luogo prediletto da molti patrizi per trascorrere, proprio come voi, le sospirate vacanze. Non sorprende dunque che nell'antica Antium, dove Cicerone giunse dopo l'esilio ricostruendo la sua biblioteca, si trovi la grandiosa Villa di Nerone le cui vestigia vi daranno un'idea dell'opulenza che le era propria: con uno sforzo di fantasia, immaginate laterizi ricoperti di fregi, affreschi e ricchi mosaici.

La dimora sorge a due passi dal mare, tra Capo dell'Arco Muto e Capo d'Anzio, e fa parte di un interessante parco archeologico: la villa doveva essere molto vasta tanto che si pensa si estendesse dall'entroterra fino alle acque del mare nelle quale, sembra, si inoltrasse.
Dell'antico sfarzo potete ammirare le vestigia di due moli parte del porto dell'imperatore, le cosiddette Grotte di Nerone che non erano altro che i magazzini portuali e i resti dell'antica villa (criptoportici, la terrazza e l'esedra poi restaurata dall'imperatore Adriano).
Le rovine della Villa di Nerone hanno regalato, durante gli scavi, reperti di valore straordinario come la scultura greca del Gladiatore Borghese risalente al I a.C. ed esposta oggi al museo parigino del Louvre, la splendida Fanciulla di Anzio e l'Apollo del Belvedere che potrete facilmente visitare rispettivamente presso il Museo Nazionale Romano sito nel romano Palazzo Massimo e nel Vaticano.

Con un salto temporale di secoli, avviatevi verso l'altro luogo simbolo di Anzio: il Museo dello Sbarco, in memoria di quell'operazione Shingle che portò gli alleati statunitensi e quelli britannici ad approdare il 22 gennaio del 1944 al fine di accerchiare i tedeschi stanziati a Cassino. L'esposizione si trova all'interno di Villa Adele e comprende reperti autentici, recuperati sopratutto dagli incrociatori britannici naufragati nelle acque di Anzio: potrete toccare con mano le atrocità del secondo conflitto mondiale visionando uniformi, bandiere, armi, piani di battaglia e foto d'epoca.

Spiaggia e mare: Lavinio
Per rilassarvi nel mezzo del verde, sulla strada per Lavinio, sostate nella Riserva Naturale Regionale Tor Caldara, protetta dal WWF e il cui nome deriva dalla torre di avvistamento edificata nel XVI secolo da Marcantonio Colonia al fine di difendere il territorio dai saraceni: all'interno incontrerete numerose sorgenti sulfuree segno dell'attività vulcanica dei prossimi Colli Albani.
Ed eccovi dunque a Lavinio-Lido di Enea, frazione della stessa Anzio e oggi nota località balneare, proprio come in passato quando la costa pullulava di ville patrizie. È anche su questi lidi che sono sbarcati gli alleati, in particolare nella zona attualmente nota come Lido dei Gigli. Seguì una necessaria bonifica che restituì alla zona la bellezza paesaggistica che potete oggi ammirare: lunghe spiagge fatte di sabbia soffice e dorata sul quale praticare magari beach volley ed un mare che probabilmente vi invoglierà a praticare sport acquatici quali vela, snorkeling, windsurf e surf favoriti anche dallo scirocco che spesso sferza la costa.
Nonostante il nome rimandi all'eroe mitologico Enea, sappiate che il luogo dove egli sbarcò dopo 7 anni di viaggio, dopo la distruzione di Troia, è a 27 km a nord nei pressi di Pratica di Mare, frazione di Pomezia: raggiungendo la località avrete la possibilità di vedere con i vostri occhi i resti dell'antica Lavinium fondata da Enea, la sua tomba Heroon ed il suggestivo Santuario delle XIII Are.

Ultima tappa: Nettuno
Ritornando ad Anzio e percorrendo la piacevole Riviera Zanardelli, dalla quale con un pò di attenzione potrete scorgere il simbolico scoglio del Circeo, giungerete a Nettuno.
Prima di addentrarvi in città, fermatevi presso la seicentesca Villa Borghese all'ombra di alberi secolari: querce di sughero, lecci e pini accompagneranno le vostre passeggiate tra ordinati viali circondati da siepi e piante aromatiche, fino a giungere allo spettacolare giardino storico risalente al XVII secolo. Al di sotto della storica villa denominata "Bell'Aspetto" e sovrastante il parco, vi sono ancora le gallerie scavate in occasione della sbarco ad Anzio.

Un giro nel centro storico medioevale non vi deluderà di certo, sovrastato dal campanile della Chiesa Collegiata di San Giovanni Battista, dal quale risuonano i rintocchi del cosiddetto "campanone".
Le mura, intervallate da torrette trecentesche, racchiudono un dedalo di vie sulle quali si affacciano palazzi storici quali il Palazzo Baronale, un tempo proprietà dell'antichissima casata dei Colonna, ed il seicentesco Palazzo Doria-Pamphilj all'interno del quale vi colpirà uno straordinario ciclo di affreschi del '600.

Passeggiando sul bel lungomare di Nettuno, incontrerete il simbolico Forte di San Gallo: si tratta di un edificio cinquecentesco maestoso, con quattro possenti baluardi e voluto da Cesare Borgia per difendere la città, considerata il "granaio del Lazio". Superando il ponte (un tempo levatoio) potrete visitare il cortile e le camere ricche di mobilio autentico dell'epoca di costruzione.
Dopo una meritata visita alla bella cittadina, riposatevi sulle spiagge di Nettuno, da quella che si stende ai piedi del Forte San Gallo oppure a quella di Torre Astura, dal nome della torre del 1193 sorta su rovine romane: quest'ultima sorge poco distante dal centro e vi giungerete attraversando macchia mediterranea ed un boschetto di profumati pini.
Una delle oasi naturali più belle del Lazio è quella del Parco della Gallinara: all'interno di questa riserva naturale, tra pinete e lecci, sono preservati preziosi habitat della fauna e della flora locale.
Nel cuore dell'oasi sorge il Camping Village Parco della Gallinara avrete l'opportunità di trascorrere giornate in totale relax su spiagge, piscine e campi sportivi, per poi partire alla scoperta di Anzio, Lavinio e Nettuno.

07/05/2018
Villa di NeroneRiserva Naturale di Tor CaldaraRiviera Zanardelli

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Informazioni. ok